Insonnia

Standard

In notti come questa, la luce già spenta, la coinquilina che dorme, gli ultimi autobus che passano nella via – mi ritrovo seduta sul letto, le coperte scostare, incapace di infilarmici sotto e con gli occhi spalancati sulla stanza buia.
In notti come questa vorrei uscire dal portone di casa ed entrare in un film di Fellini.
Percorrere a passo lento il silenzio delle piazze e delle trasversali, già semi vuote in pieno giorno;
Perdere consistenza entrando e uscendo dalle ombre lunghe sotto i portici;
Voltare l’ angolo e attraversare il sogno di qualcuno, volteggiare nella sua luce e poi trovarsi di fronte al proprio incubo peggiore;
Fuggire verso una spiaggia;
Fermarsi, tra la terra e il mare, in cerca dell’orizzonte, gli occhi di nuovo spalancati nel buio.

Advertisements